Un nuovo sguardo al mondo

Robert Cibis e Lilian Franck hanno iniziato la loro carriera nel 1998  dopo aver studiato cinema a Parigi.  Li ha uniti il bisogno di raccontare storie che mostrassero alla gente qualcosa di nuovo, sfidando i luoghi comuni. All’inizio è stata dura convincere le persone a seguire progetti innovativi. Bisognava convincere sia gli investitori che il pubblico ad abbandonare territori noti e trovare per ogni progetto una soluzione su misura.

“Pianomania” (2009) ha portato per la prima volta sullo schermo la maestria di un accordatore di  Steinway, mentre assisteva pianisti di fama mondiale come Lang Lang, Pierre-Laurent Aimard e Alfred Brendel, alla ricerca del suono perfetto. Era difficile trovare i finanziamenti per un film che parla di persone che si muovono dietro le star. Ma proprio il punto di osservazione e la sua accattivante realizzazione hanno reso il film un successo. Ha vinto il Premio della Settimana della critica  al Festival di Locarno, il Golden Gate Award a San Francisco e il German Film Prize per il miglior Sound Design, oltre a molti altri premi. È stato distribuito con successo nelle sale di 25 Paesi. Solo in Germania sono stati venduti 15,000 DVD. Il film è stato trasmesso in  televisione in più di 100 paesi, e ha spinto molti giovani a seguire le orme del nostro protagonista e a diventare accordatori di pianoforte.

Intuizioni e punti di vista originali aiutano ad affrontare nuove sfide. Dopo aver prodotto molti documentari per la televisione, il team OVALmedia ha pensato di accompagnare I suoi progetti dall’ideazione alla distribuzione. Nel 2018, per la prima volta, OVALmedia ha coordinato la distribuzione del suo film “Free Lunch Society” che sostiene l’introduzione del reddito universale e riflette su come quest’idea possa essere attuata. Il 1° Febbraio 2018 il film è stato proiettato contemporaneamente in 100 cinema della Germania dove poi si sono svolti 100 dibattiti, mentre 11 “redditi” della durata di un anno venivano estratti a sorte e assegnati a 11 spettatori. La discussione sul tema si è diffusa a macchia d’olio attraverso la TV e altri media. Anche su internet OVALmedia ha rilanciato l’argomento attraverso video di animazione.

L’integrazione vincente di produzione, marketing, vendita e distribuzione è stata resa possibile grazie alla digitalizzazione di molti dei processi operativi. Se non altro, la pressione data dalla competizione globale ha spesso portato ad un specializzazione dei canali mediatici. Per esempio, i vari commissioning editors che hanno prodotto Free Lunch Society o Pianomania ora non possono più fare coproduzioni cinematografiche, ma soltanto televisive. OVALmedia ha saputo reagire a questi cambiamenti. Come etichetta, noi abbiamo creato forti relazioni con nuovi partner e stiamo lavorando molto sui social media.

Con l’idea che un determinato target, a volte esiguo in un solo Paese, a livello mondiale può rivelarsi molto consistente, OVALmedia è diventato internazionale. Oltre alle due società OVALmedia Berlin e OVALmedia Cologne in Germania, abbiamo aperto nel 2018 OVALmedia Paris SAS.  A settembre scorso la versione francese di Free Lunch Society ha visto il tutto esaurito in Francia, seguita anche lì da dibattiti sul tema. Le uscite nei cinema francesi continueranno anche nel 2019 accompagnate da eventi stimolanti. Così alla fine del 2018  è stata creata OVALmedia Rome sotto la gestione di Nathalie Signorini, socia di maggioranza. Free Lunch Society, perciò, sarà finalmente distribuito nel Paese che più di tutti sta discutendo del reddito universale: l’Italia.

La digitalizzazione ha accelerato processi che esistono dall’alba dell’umanità. Figure, temi e riferimenti che ci sono sempre appartenuti sono stati ripresi da media diversi ed espressi attraverso molteplici canali, sotto forma di foto, film, discorsi e testi scritti. La digitalizzazione ha ampliato le possibilità della narrazione. Si può ottenere un miglior risultato coordinando la distribuzione attraverso i mezzi di comunicazione e la raccolta di reazioni di pubblico/ visitatori/ users/ lettori durante il processo produttivo. L’espressione “opera d’arte totale” ha un nuovo significato che comprende l’intero processo, ad esempio, dall’evento al libro.

Sempre meno prospettive dominano un mondo sempre più piccolo. Noi vogliamo mostrare nuovi punti di vista per allargare gli orizzonti.

Lilian Franck, Robert Cibis e Nathalie Signorini

Premi

Members

Partners 

    

Robert Cibis Direttore amministrativo – OVALmedia gruppo
Lilian Franck Responsabile dello sviluppo - OVALmedia gruppo
Nathalie Signorini Direttrice - OVALmedia Rome
Amy Meyer Responsabile della post produzione
Lukas Link Chief of Technology
Juliette Rabany Responsabile della distribuzione – OVALmedia gruppo
Charlotte Monnier Produttore - OVALmedia Paris